[ LA REGOLA D’ORO CHE MI FA ESSERE UNA MASSAGGIATRICE PERBENE ] 2




C’è una saggia legge naturale nell’aria.

Oggi ho avuto l’ultima seduta di massaggio thailandese con il Signor P.

Un uomo pio e delicato, dolce come la menta e sensibile come un fiore, che tuttavia aveva accumulato tra le fibre di sè una grande energia che lo tratteneva in una forma in potenziale.

Come una statua rinascimentale, presa al culmine di un’azione.

Io ho amato davvero lavorare con P. sopratutto per le nostre conversazioni su Dio.

C’è sempre stata una parte fisica, una parte energetica ed una parte spirituale nelle nostre sedute, e quelle chiacchere mi hanno permesso di aprire uno spiraglio su un altro mondo che io non conoscevo.

C’è stata una frase, però, che rimbalza nella mia testa da quando ha superato l’uscio della mia porta.

E Gesù disse: – Non fare agli altri, quello che non vorresti fosse fatto a te -.

Me lo dicevano sempre le maestre quando ero all’asilo.

Quando prendevo un pennarello non mio, o rubavo il pallone a chi ci stava già giocando.

E adesso che sono adulta, e alla soglia dei 30 anni?

Nel mio mestiere – e per chi non mi legge da molto, ricordo che sono una MASSAGGIATRICE – è, per l’appunto impegnativo presentarsi come MASSAGGIATRICE. 

Perchè?

Perchè la gente comincia a rompere le palle.

E ti scambia per Fisioterapista – e non lo sei.

E ti scambia per Estetista – e non lo sei.

E ti scambia per Prostituta – e porca troia non lo sei!

Se io fossi un cliente e volessi un massaggio, la prima cosa che farei è andare su Google e cercare , giustamente,

massaggio Roma

e cosa trovo?

Tra i primi 5 risultati compaiono dell’ordine centri a luci rosse orientali, centri a luci rosse italiani, un articolo del Messaggero che dice che 5 di questi centri sono stati chiusi, e il link a Groupon che rimanda a massaggi iperscontatissimi che giocano solo sul ribasso. 

Beh.

Non proprio tempi di vacche grasse insomma.

Butto un occhio ai due libri che ho adesso sulla mia scrivania

“Traditional Thai Medical Theory for Bodyworkers” e “Psicosoma” – due testi indimenticabili tra l’altro – e mi allungo sulla sedia.


Google è lo specchio di quello che il pubblico cerca.

Il Mercato è lo specchio di quello che il pubblico vuole comprare.

Tra i segaioli orfani di mani amiche, e i cercatori di prestazioni iperscontate c’è una fetta di popolazione che il massaggio non ha idea di cosa sia.

Procedendo per negazione il massaggio:

– non è spalmare olio.

– non è “adesso scelgo dalla lista quello oggi mi va”

– non è ” posso avere un massaggio più coinvolgente? “

I Veri Massaggi sono fatti da quelli che si consumano i tendini sulla carne delle persone.

Sono quelli che hanno testi e dispense in ogni angolo dello studio.

Sono quelli che non fanno massaggi coinvolgenti, massaggi con parti strane del corpo, o massaggi su parti del corpo non proprio nominabili in questa sede.

Da chi andrei io, Cristel Celani, Massaggiatrice Professionista, quando voglio un massaggio serio?

Da chi questi presupposti li rispetta.


Allora la Regola D’Oro torna a distanza di 25 anni a bussarmi sulla spalla.


” Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te “.

Studia.

Massaggia Seriamente.

Sii Professionale.

E Siamo a posto così!


Cristel Celani

—————————————————

per informazioni o appuntamenti mi trovi al 3926318754



















Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

2 commenti su “[ LA REGOLA D’ORO CHE MI FA ESSERE UNA MASSAGGIATRICE PERBENE ]