ABHYANGAM – IL MASSAGGIO AYURVEDICO



L’Ayurveda si occupa di tutti gli aspetti del benessere, quello fisico, quello psichico e quello spirituale e si interessa di ciò che è normale tanto quanto di ciò che è anormale o patologico.

L’AYURVEDA QUALCHE MILLENNIO FA ERA GIA’ ALL’AVANGUARDIA, OVVERO: PREVENIRE E’ MEGLIO CHE CURARE.

Secondo l’Ayurveda la salute non è solo assenza di malattia ma è uno stato di continuo appagamento e di benessere, uno stato di felicità fisica, mentale e spirituale. Il concetto di equilibrio espresso dall’Ayurveda comporta non solo il perfetto funzionamento dei vari sistemi ed organi, della psiche e dello spirito, ma anche un rapporto di felice convivenza con tutte le creature, con i familiari, con gli amici, con il lavoro, con il clima e la cultura in cui viviamo, con i propri ideali, con le abitudini, con la verità, con il concetto che si ha della fede ect

Infatti nel Charaka Samhita, uno dei testi fondamentali di questa scienza, è scritto che:

“Si definisce Ayurveda la scienza che descrive gli stati della vita vantaggiosi e quelli sfavorevoli, insieme a ciò che è buono e ciò che è nocivo per la vita, che tratta della lunghezza della vita e della vita stessa. ” (Charaka Samhita I, 41)

Per lo stesso motivo, in seguito è spiegato che il significato completo del termine AYUS (vita) è l’unione di quattro aspetti fondamenti: corpo, mente, anima e organi di senso.

Ora, leggete attentamente la NUOVA definizione di SALUTE secondo OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità):

“stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”, viene considerata un diritto e come tale si pone alla base di tutti gli altri diritti fondamentali che spettano alle persone.

https://it.wikipedia.org/wiki/Salute

Avete letto bene? La Salute è un DIRITTO! Non una SCELTA o una cosa che FACCIO QUANDO HO TEMPO.

QUALCUNO PENSERA’ ” HO CAPITO, MA QUI SI PARLA DI MASSAGGI, NON DI CURARMI! IO NON STO’ MALE!”

Allora non ci siamo :)

Dal 1948, anno in cui tanta gente più in gamba di noi ha riscritto la definizione di Salute, è cambiato il modo in cui “dobbiamo” star bene.

Se rileggiamo attentamente sono TRE gli aspetti da valutare:

lo stato fisico
lo stato sociale
lo stato psichico

Da ciò si evince che:

se abbiamo una patologia, non stiamo bene.
se abbiamo problemi a stare in mezzo alle persone, non stiamo bene.
se abbiamo un disturbo, seppur transitorio, a livello mentale o emotivo, non stiamo bene.

Beh, ragazzi

Ci ho pensato parecchio e alla luce di questa nuova definizione, io non vedo persone sane intorno a me. Nemmeno una che se ne salvi.

Se per essere in salute, bisogna essere in un completo stato di benessere psichico, vuol dire che un TONO DELL’UMORE BASSO o UN LIVELLO DI STRESS ALTO non mi fanno rientrare nella categoria di “persona sana”.

Perchè?

Ti rimando al mio precedente articolo, sul perchè lo stress ci fa male, ed è “il cavaliere nero” da combattere.

http://www.massaggirilassanti.com/2016/02/02/stree-pensi-di-conoscerlo-realmente/

Adesso chiudiamo il cerchio:

Come dicevo prima, lo scopo principale dell’Ayurveda è quello di conservare la buona salute nell’uomo sano in modo da dare sostegno ai quattro principali obbiettivi della vita, che sono:

Dharma: ciò che per mezzo dell’agire corretto porta al benessere dell’individuo e della società;

Artha: la ricchezza, la disponibilità dei mezzi di sostentamento;

Kama: l’appagamento dei desideri terreni, la passione;

Moksha: la salvezza raggiunta per mezzo della liberazione e della consapevolezza dell’esistenza di Dio.

Inoltre l’Ayurveda ha lo scopo di eliminare la sofferenza nell’uomo ammalato.

Ben inteso, questi sono concetti scritti tra il VI ed il VII sec a.c.

Adesso confrontiamolo con:

stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplice assenza di malattia (1948).

Oltre 2 MILLENNI separano queste definizioni, eppure, vedete quanta verità c’è nell’Ayurveda?

Quindi:

SE TI SENTI:

stanco
senza energia
apatico
dormi male
etc

Non stai bene, e lo sai.

Non c’è bisogno che te lo venga a sottolineare.

Visto però che essere in SALUTE è un tuo DIRITTO e non “un qualcosa che faccio quando mi va”, la canzone comincia a suonare in modo diverso.

Ritagliarsi un’ora di tempo per se stessi diventa PRIORITARIO.

IL MASSAGGIO AYURVEDICO TI RICARICA DI ENERGIA!

Quando sei stanco o ti senti svuotato di energia non è vero che sei senza energia.

A mio avviso NE SPENDI TROPPA in attività che NON TI RICARICANO.

Pensa allo sport: qualsiasi sport tu faccia dal calcio, al tennis alla sala pesi ti stancano, ma dopo ti restituiscono il triplo di energie che hai investito.

Il massaggio ayurvedico fa la stessa cosa, con la differenza che non sei tu a far uscire energie per aspettarne un ritorno (da qui l’idea di INVESTIMENTO), ma sono IO in qualità di Operatore ad usare la mia ENERGIA PULITA per SPOSTARE la tua.

Il giusto livello di energia secondo l’ayurveda si ottiene quando i 5 elementi (aria, acqua, terra, fuoco ed etere), e le derivanti 3 bioenergie principali, sono in equilibrio tra di loro. Quando non lo sono, c’è squilibrio e quindi patologia.

Per mantenere il giusto equilibrio tra gli elementi è doveroso seguire una serie di accorgimenti (alimentari, spirituali, o abitudinari) che riequilibrino le forze. Tra queste c’è il massaggio ayurvedico (l’abhyangam).

1 ORA DI COCCOLE CHE TI RICARICA COME UNA VACANZA!

Recentemente ho parlato con un cliente che ha ricevuto un massaggio ayurvedico circa 10 giorni fa.

Il risultato è stato incredibile, ancora più di quanto ci aspettassimo:

I PROBLEMI DA STRESS ERANO SCOMPARSI

mal di testa
insonnia
dolori in vari punti del corpo
stanchezza

Ma l’effetto RICARICA è stato talmente evidente, che dopo oltre 1 SETTIMANA si sente ancora in splendida forma!

Quindi, tiriamo le somme:

Con il massaggio ayurvedico avrai:

meno stress
più felice
corpo leggero e sciolto
ti sentirai ricaricato come dopo una breve vacanza

Chiamami al 3926318754 e ne parleremo insieme.

C

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>