HAI APPENA RICEVUTO UN MASSAGGIO? 4 CONSIGLI PER POTENZIARNE GLI EFFETTI!



Hai appena ricevuto un massaggio, e sei in un limbo fantastico: rilassato, con il corpo sciolto senza neanche una contrattura e in più hai un profumo fantastico addosso. Però, è tempo di tornare alla realtà e di scendere dal lettino. Come puoi prolungare per il maggior tempo possibile i benefici del massaggio?

1. PRENOTALO ALL’ORARIO GIUSTO

Il nostro corpo segue un bioritmo naturale, che è regolato dalla secrezione di melatonina in risposta alla luminosità ambientale. Se preferite un massaggio rilassante o decongestionante, prenotate nel tardo pomeriggio o la sera appena usciti dal lavoro. In quel momento, infatti, il corpo è già entrato in una fase “down”, di rilassamento, che precede il sonno. E’ proprio in quelle  ore che la pressione e la temperatura del corpo sono più alte, ed in cui lo stress della giornata si fa maggiormente sentire. Se, al contrario, avete bisogno di un massaggio tonificante, o dovete entrare in palestra per un allenamento, o semplicemente avete bisogno di un massaggio veloce che “svegli” i muscoli, aumenti il livello di attenzione e soprattutto tonifichi la mente, è preferibile la fascia 10-15.30, in cui il rimo circadiano “segna” una performance mentale migliore, e maggior flessibilità muscolare ed articolare.

2. BEVI E DEPURATI PER LE SUCCESSIVE 24/48H

Il massaggio, sia esso leggero come un rilassante o profondo come un postgara o un decontratturante, ammorbidisce i tessuti in profondità, drena i liquidi stagnanti e le tossine bloccate da tempo. Avete mai notato che dopo uno stretching alle anche, o alle gambe, vi scappa quasi subito la pipì? Avete drenato in profondità, stimolando soprattutto le stazioni linfonodali profonde dei distretti pelvici, che raccolgono i liquidi degli arti inferiori. C’è di più: nelle prime ore successive alla seduta, tutto l’organismo entra in un regime di pulizia. Per cui: bevete molto, evitate cibi troppo acidi (alcool, caffè, thè, fritti, cibi troppo grassi in generale). Continuate anche il giorno successivo, bevendo al mattino, circa un’ora dopo essersi alzati, un bicchiere di LATTE D’ORO.

3. USA IL NASO: AROMATERAPIA

Apriamo una piccola parentesi. Ognuno di noi rivive nella sua mente ricordi o esperienze annusando un profumo particolare. L’acqua di rose ci fa ricordare la nonna, il profumo del borotalco ci fa immaginare i nostri figli quando erano piccoli, il profumo che un nostro amico indossa tutti i giorni a distanza di anni ci farà ancora ricordare di lui. Questo perchè i circuiti nervosi neurofisiologicamente atti a risolvere gli impulsi olfattivi sono collegati con le aree più antiche del cevello, e dispongono reazioni mnemoniche (ricordi), secretorie (rilascio di ormoni finalizzati al rilassamento oppure all’eccitazione) e motorie. Allora perchè non utilizzare questo potente strumento per potenziare gli effetti del nostro massaggio? Durante la seduta l’olio vettore è aromatizzato con alcune gocce di olio essenziale. Io cambio spesso, ma i miei clienti più assidui sanno che ho un debole per il poliedrico Bergamotto. Quindi, quando avete bisogno di rilassarvi un po’ durante la giornata fate così: versate alcune gocce di olio essenziale su un fazzoletto, ed annusatelo quando ne avete bisogno. L’effetto sarà immediato! Bisogno di sprint? Rosmarino, meglio di una tazzina di caffè.

4. STESS MANAGEMENT

Le emozioni hanno due componenti: una fisica ed una psichica. La componente astratta della mente ci fa acquisire consapevolezza di lei e della sua causa (cognizione), ci fa capire le sensazioni che porta (affettività),  spingendoci ad agire (conazione), portando infine cambiamenti fisici come tachicarica e sudorazione o bradicardica e rilassamento (cambiamenti fisici). Tutto ciò accade perchè ogni sistema è intimamente collegato all’altro, via nervi o ormoni, e nessuna modifica è mai di per se stessa circoscritta e limitata. Stress fisici come malattie troppo spossanti o stress mentali (che possono spaziare da disagi familiari, a ritmi lavorativi troppo serrati) mettono in tensione un asse di attivazione alla risposta stressoria estremamente vasto e plasmabile: organi di senso, sistema nervoso autonomo, corteccia cerebrale, sistema limbico, tronco encefalico, ipotalamo, ipofisi ed infine la tiroide con la tirosina, ed i surreni con cortisolo ed adrenalina (ma non solo!) inducono gli organi di risposta (muscoli, cuore, vasi e molto altro) a reagire allo stress. Se questo stress a cui il nostro corpo è sottoposto (mentale o fisicamente reale) perdura troppo, oppure noi stessi non siamo in grado di reagire ed affrontarlo (ipotizziamo un lutto molto grave da cui per riprendersi non bastano un paio di settimane),  gli adattamenti nel nostro corpo saranno massicci e più difficilmente reversibili.
Pertanto, individuare le cause di maggiore stress nella nostra vita, ed impegnarsi a risolverle, migliorerà realmente il nostro stato di salute.

Ricevere massaggi rilassanti ad intervalli regolari di tempo, soprattutto in momenti della nostra vita in cui siamo sotto pressione, aiuta il corpo ad abbattere i livelli di ormoni specifici, che altrimenti andrebbero a danneggiarci FISICAMENTE e PSICOLOGICAMENTE.

Pertanto, fissate un primo massaggio al 3926318754 (Cristel) ed insieme troveremo la soluzione più adatta a voi.

Cristel

 

 

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>