TI FA SEMPRE MALE IL COLLO? La SOLUZIONE è alla FINE dell’ Articolo!



cervicale
Il termine cervicalgia indica un generico dolore al collo che si protrae per un periodo di tempo e che può variare da poche settimane fino ad anni. Si tratta di un disturbo muscolo-scheletrico estremamente diffuso, ma non per questo deve essere sottovalutato. Il collo ha possibilità di escursione (ovvero di torsione) molto estese e rappresenta uno dei complessi articolari più delicati del corpo.

Esso è attraversato infatti da fondamentali vasi sanguigni ed elementi del sistema nervoso, come l’arteria carotide comune, la vena giugulare, il nervo vago, numerosi muscoli, il primo tratto degli apparati respiratorio e digerente ed è sede della tiroide e delle paratiroidi.

SINTOMI

I Sintomi tipici della cervicalgia sono:
Dolore a collo e spalle, accompagnato anche da mal di testa

– Intorpidimento a braccia e mani

Vertigini e Nausea

Le CAUSE del dolore possono essere:

– Difetti nella POSTURA

– STRESS

– Scarsa forma fisica

Cioè di accertata natura “benigna”. Oppure, altre cause possono essere riscontrate in patologie più serie e che vanno approfondite con esami specifici. Nella maggior parte dei casi, all’origine del dolore c’è un’alterazione non grave, che interessa le strutture meccaniche situate nella regione delle prime vertebre della colonna: si tratta dei muscoli, dei legamenti, dei dischi intervertebrali e delle articolazioni posteriori che garantiscono sia il movimento, sia il sostegno. Alle volte, è sufficiente uno sforzo non adeguato, che può essere istantaneo e brusco o prolungato, a livello del collo, o una postura non corretta a creare una lesione di queste strutture. Uno stress meccanico esagerato e non corretto, rispetto a quello che queste strutture possono sopportare, provoca dolore. In questa situazione, spesso, si inserisce lo stress che, provocando una contrattura della muscolatura, favorisce l’insorgenza di micro-lesioni.

I principali fattori della cervicalgia sono: la sedentarietà, gli errori nella postura e i colpi di freddo, ma può soffrire di tale disturbo anche chi ha praticato o pratica sport di tipo traumatico (boxe, rugby, football americano) o attività sportive di potenza con sovraccarichi (es. body building); oppure, in casi estremi, il cosiddetto colpo di frusta. Si debbono poi considerare i fattori predisponenti come: la cifosi dorsale o l’iperlordosi lombare e altri processi degenerativi dei dischi intervertebrali, le lesioni traumatiche pregresse, l’ernia cervicale, l’artrosi cervicale, l’osteofitosi ecc.

ADESSO MI DIRAI: OK, HAI RAGIONE. C’HO UN DOLORE CHE NEANCHE TI IMMAGINI, CHE NEANCHE ” ME MOVO”, CHE TE DICO LEVETE PERCHE’ NUN IMMAGINI …E ADESSO?

Se gli episodi sono ricorrenti, è assolutamente necessario rivolgersi al proprio medico di base, il quale, dopo opportuna visita, saprà consigliarvi la terapia più idonea. Nei casi in cui essa NON SIA CAUSATA da una patologia in atto (rettificazioni della colonna, ernie discali, artrosi etc. ), sempre su consiglio medico, è possibile alleviare la contrattura lavorando con MASSAGGIO DECONTRATTURANTE, mirato a togliere le tensioni muscolari che causano dolore.

Buon viaggio

…. e RICORDATI DI CONDIVIDERE L’ARTICOLO!!

Cristel

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>